Categorie: Eventi di Crescita Professionale | Autore: Alessandro

Lui è un semplice ragazzo con un sogno.

Un sogno che hanno avuto in migliaia di persone.

Un sogno che a sentirlo qualche mese fa sembrava irrealizzabile.

Ma la verità è che lui non è solo un ragazzo con un sogno. Perchè in quel sogno LUI CI CREDE.

Non gli importa di chi dice che è impossibile, che non è mai successo, che… ma dai!

Ma come puoi anche solo pensarlo?!

E invece.

Ecco che quel sogno non è più solo il suo. Ora sono in due, tre, dieci.

E ci credono.

Quel sogno comincia a prendere forma,

ha una sua melodia, un ritmo preciso,

quel sogno è MUSICA.

E cresce. Il volume si alza.

Sempre di più.

Finchè…

BOOOOM!!!!!

Ora sono in MILLE e ci credono con tutto il cuore e il corpo e la voce.

Loro sono Il Rockin’1000 in una sconosciuta città romagnola e cantano, suonano, come se fossero un unico grande cuore pulsante.

Loro sono Il Rockin’1000 e quello che realizzano quel giorno a Cesena è un successo da brividi.

Lui è Fabio Zaffagnini un semplice ragazzo con un sogno condiviso da migliaia di persone.

La differenza è che Fabio in quel sogno ci ha creduto fino in fondo.

L’Impossibile non solo è diventato Realtà.

La Verità è che il Sogno ha di gran lunga Superato la Realtà.

Perchè questo è stato solo l’inizio. 

Perchè Fabio e i Rockin’1000 stanno riscrivendo la STORIA e creando una Nuova Realtà nel Panorama della Musica Internazionale.

 

Vieni a scoprirla in anteprima di persona il 2 dicembre a Rimini, insieme ad altri 4 ospiti d’eccellenza qui >>>

Per conoscere Fabio di persona, clicca subito qui

 

Ma intanto ascoltiamo Fabio Zaffagnini e godiamoci qualche intro inedito in questa intervistadi 9 domande dalle risposte per niente scontate:

Buona lettura 😉

1) Cos’è Rockin’1000 e chi sono le persone di cui ne fanno parte?

In che modo un’identità così netta e rivoluzionaria sta trasformando i principi e paradigmi stessi del fare musica a livello internazionale?

Rockin’1000 è un progetto nato nel 2014 con una call ai Foo Fighters. Grazie ad una performance pazzesca (1000 musicisti che hanno suonato Learn to Fly all’unisono) e un video diventato virale in poche ore (a oggi oltre 41 milioni di views), siamo riusciti ad invitare e far suonare una band di rilievo internazionale in una piccola cittadina come Cesena. Da questo inaspettato successo, è nata la più grande Rock Band al mondo e abbiamo dimostrato che la musica unisce le persone più di qualsiasi altra cosa.

 

Se non l’hai ancora visto clicca play subito e preparati a cantare a squarciagola con il video famoso di Rockin’1000 mentre interpretano “Learn to fly” dei FooFighters:

 

La musica, la determinazione, la voglia di stare insieme. Tutto questo ha contribuito alla nascita e all’evoluzione del progetto. Dietro Rockin’1000 c’è una Community pazzesca composta da migliaia di musicisti, una squadra di Music Guru eccezionali, gli addetti ai lavori (tecnici, fonici, fotografi e videomaker), sponsor e media partner che ci sostengono, un esercito incredibile di volontari. Ma Rockin’1000 è anche un Team di professionisti che sta dietro le quinte che lavora giorno e notte tutto l’anno al mio fianco per migliorare ogni aspetto.

 

*****

 

2) Dove trovi le energie, fisiche, mentali e spirituali per creare, organizzare, comunicare e Vivere (sì VIvere con la V maiuscola) tutto questo? Quali sono le tue routine e abitudini per ricaricare l’energia ? Quali quelle per riconnetterti con te stesso di cui non potresti fare a meno?

Beh, sono molto motivato, so che Rockin’1000 rappresenta un valore in cui credo profondamente, che coinvolge molte persone. Sono circondato da persone, i miei soci – Claudia Spadoni, Anita Rivaroli, Martina Pieri, Mariagrazia Canu e Cisko – che sono determinati tanto quanto me, ci aiutiamo e ci incoraggiamo a vicenda nei momenti difficili. Per quanto riguarda la mia vita privata, cerco di tenerla protetta, limito la condivisione della mia quotidianità e questo mi aiuta a “staccare”. Poi leggo tanto e gioco a beach volley quando posso.

*****

3) Durante il summer camp di quest’anno con i rockin1000 avete realizzato delle partnership importanti come la Birra Nastro Azzurro, quali sono i valori del vostro movimento e su quali basi scegliete le collaborazioni di questo tipo?

Grazie per questa domanda, mi date l’opportunità di spiegare un aspetto molto importante del nostro progetto. Rockin’1000 non potrebbe esistere senza il supporto degli sponsor e dei media partner.

Grazie al supporto del main partner Nastro Azzurro​, Rockin’1000 ha costruito un percorso costante e articolato che ha avuto inizio l’anno scorso durante Rockin’1000 That’s Live, si è poi evoluto con lo spot televisivo 2017 del brand, in onda sui canali nazionali e il bouquet di Sky, e consolidato definitivamente in occasione del Summer Camp con il contest rivolto ai fotoreporter ​(oltre 1600 candidature arrivate da tutta Italia) che ha premiato tre giovani fotografi​, facendo vivere loro un’esperienza indimenticabile durante la nostra ultima iniziativa in Val Veny.

 

 

*****

4) Qual è il valore più importante che state portando al mondo con il movimento Rockin’1000?

La Musica unisce le persone più di qualsiasi altra cosa. La Musica esercita un potere immenso tra gli individui, anche i più diversi per provenienza geografica, formazione culturale, età, estrazione sociale, genere, orientamento. Il messaggio di Rockin’1000 è dentro i volti felici dei musicisti che suonano e si emozionano ogni volta, pur avendo accanto qualcuno che non conoscono. E’ la condivisione che si crea tra i musicisti ma anche tra i musicisti e il pubblico. I nostri video servono per farsi un’idea di questa magia ma solo chi assiste dal vivo a una performance di Rockin’1000 sa esattamente di cosa sto parlando.

 

 

*****

5) Qual è la sfida più difficile che hai e avete affrontato finora?

Senza dubbio la sfida più difficile è quella di gestire bene un successo inaspettato come quello che ci ha travolto nel 2014: nessuno di noi poteva prevederlo. Questo significa che ogni nuovo passo e ogni evoluzione del nostro progetto, si deve misurare con quel grande iniziale risultato. E’ uno stimolo a tenere sempre alta la guardia e ricercare la qualità in tutto ciò che facciamo. Darsi obiettivi importanti è molto impegnativo ma se si lavora con dedizione, questo modus operandi restituisce soddisfazioni proporzionate all’entusiasmo e alla determinazione investiti.

 

*****

6) Quale la realizzazione di cui siete più soddisfatti e fieri?

Sono tante a dire il vero. Nel 2015 è stato vedere 1000 musicisti suonare insieme e poi assistere ad un concerto davvero speciale dei Foo Fighters a Cesena; nel 2016 è stato assistere alla nascita della più grande Rock Band al mondo davanti a 14.000 spettatori con That’s Live e l’omonimo disco prodotto dalla Sony; nel 2017 sfidare molti imprevisti e portare i 1000 ai piedi del Monte Bianco con il Summer Camp. Ognuna di queste esperienze ci ha messo a dura prova e ci ha insegnato tanto.

*****

7) Come gestite il lavoro con il team Rockin’1000? Due pratiche/strategie di co-creazione nel team che fanno tutta la differenza in focalizzazione e realizzazione dei progetti e priorità?

Abitiamo tutti in città diverse (Cesena, Roma, Milano, Oristano!) e quindi lavoriamo costantemente online. Skype, Hangout, Whatsapp e i social sono i nostri strumenti principali per condividere informazioni, pianificare le attività e confrontarsi. Cerchiamo di ridurre al minimo le email e le riunioni vis à vis per non disperdere troppe energie. Una buona pratica è la suddivisione dei compiti e delle responsabilità vincolata a scadenze sensate. Sono tanti piccoli accorgimenti ma la verità è che perfezione non esiste, per questo mi ritrovo spesso a esortare il mio team con un detto che sento molto vicino: Done is better than Perfect.

 

*****

8) Al volo: Istinto o razionalità? Cosa conta di più nel scegliere le priorità e fare la scelta giusta?

Bella domanda, boh! Come possiamo sapere se le scelte che facciamo sono davvero quelle giuste? Magari quelle che non abbiamo fatto potevano essere migliori, ma non lo sapremo mai!

 

*****

9) Fabio, Dopo aver radunato 1000 Rockers 2 anni fa e fatto arrivare i Foo Fighters a Cesena, dopo aver inventato la Rock Band più grande del mondo con ben 2 concerti con gli stessi 1000 Rockers e aver vinto premi in America, Rockin’1000 cosa sta pianificando per i prossimi anni? Ti va di anticiparci qualcosa qui o ce lo racconterai il 2 dicembre a Rimini?

Stiamo andando avanti con due progetti paralleli: la prossima edizione italiana e la prima edizione all’estero, dove per ora abbiamo realizzato solo dei piccoli assaggi all’interno di contesti molto utili e stimolanti. Oltre alla realizzazione di eventi, una delle nostre principali attività è la produzione di video, anche questo è qualcosa che facciamo durante tutto l’anno e che avrà a breve un apice con la presentazione del documentario. Ci vediamo il 2 dicembre a Rimini dove spero di potervi raccontare qualche dettaglio in più! Nel frattempo invito tutti a seguirci sul sito www.rockin1000.com , sui profili social Facebook, Instagram e Twitter del progetto.

Assicurati ora il tuo biglietto per l’evento “Realizza la Tua Vita ad Opera d’Arte, cliccando qui 

Comments

comments

Rispetto la tua privacy. Potrai rimuoverti con un solo click

Alessandro Rivale

Alessandro Rivale, torinese 35 enne, blogger in ambito Cure naturali e Alimentazione, dal 2011 dirigo Curarsialnaturale.it e altri blog in questo ambito. Grande passione per il web, per la condivisione della conoscenza e per la creazione di network di persone di qualità.

Seguimi anche dai social network!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scopri i prossimi eventi live Incitement Italy !

Rispetto la tua privacy. Potrai rimuoverti con un solo click